http://scis.uai.it/cielomese/cielo_giugno_2007.htm

IL CIELO DEL MESE

- GIUGNO 2007 -



Rubrica a cura dello SCIS
UAI - UNIONE ASTROFILI
ITALIANI - www.uai.it
SCIS - Servizio per la Cultura
e l'Informazione Scientifica

http://scis.uai.it   scis@uai.it

SOLE

Il giorno 22 passa dalla costellazione del Toro a quella dei Gemelli.
  • 1 giugno: il sole sorge alle 5.39; tramonta alle 20.41
  • 15 giugno: il sole sorge alle 5.36; tramonta alle 20.49
  • 30 giugno: il sole sorge alle 5.39; tramonta alle 20.52
21 giugno: Solstizio d'Estate
Nel giorno pi lungo dell'anno il sole sorge alle 5.36 e tramonta alle 20.51.
Il giorno dura 15 ore e 15 minuti.
Al mezzogiorno dell'Ora Solare (ovvero alle una dell'Ora Legale attualmente in vigore) il Sole raggiunge il punto di massima elevazione sull'orizzonte.
L'altezza raggiunta dal Sole dipende dalla latitudine: a Roma al culmine arriva a circa 71° 30'.
A Milano 3° 30' pi basso rispetto a Roma, a Palermo invece supera i 75°.

Gli orari sono espressi in Ora Legale Estiva, pari ad un'ora in più rispetto all'Ora Solare o TMEC (Tempo Medio dell'Europa Centrale)

LUNA

Le Fasi:
  • Luna piena l'1
  • Ultimo quarto l'8
  • Luna nuova il 15
  • Primo quarto il 22
  • Luna piena il 30
Una curiosità del calendario: in giugno avremo due volte la Luna piena nello stesso mese.
Si tratta di un evento non molto frequente, conosciuto nel mondo anglosassone come "blue moon". Non c' alcuna attinenza con il colore - la luna non diventa affatto blu - tuttavia la frase "once in a blue moon" (una volta ogni luna blu) rimasta come espressione popolare per indicare un evento raro.
In media si verifica ogni 2 anni e mezzo; nel 1999 ce ne furono ben due; una nel novembre 2001.
L'ultima si verific nel luglio 2004.
http://nssdc.gsfc.nasa.gov/planetary/lunar/blue_moon.html
http://www.obliquity.com/astro/bluemoon.html


OSSERVABILITÀ DEI PIANETI

Mercurio: la prima parte del mese di giugno sarà ancora favorevole all'osservazione di Mercurio.
Il pianeta raggiungerà la massima elongazione (distanza angolare) dal Sole, pari a 23 22', il giorno 2. Nelle settimane successive l'altezza del pianeta sull'orizzonte si riduce rapidamente, fino a farlo scomparire nelle luci del crepuscolo serale.
Il giorno 28 si verifica la congiunzione con il Sole.

Venere: all'inizio del mese il luminosissimo pianeta si trova al culmine del periodo ottimale di osservabilità serale.
Il giorno 9 raggiunge la massima elongazione di 45 23' dal Sole.
Nel corso del mese l'intervallo di tempo a disposizione per osservare Venere comincia a diminuire.
Rimangono comunque circa due ore e mezza per ammirarlo sull'orizzonte occidentale dopo il tramonto del Sole.
Nel corso del mese Venere lascia la costellazione dei Gemelli, attraversa per intero il Cancro e fa il suo ingresso nel Leone: a fine mese potremo osservare il rapido avvicinamento di Venere a Saturno.

Marte: migliora ulteriormente l'osservabilità del pianeta rosso nel corso delle ultime ore della notte.
Marte continua ad anticipare gradualmente l'istante del suo sorgere, che a fine giugno avviene circa 3 ore e mezza prima del sorgere del Sole. Possiamo quindi individuarlo facilmente prima dell'alba a Sud-Est.
Marte si trova inizialmente nella costellazione dei Pesci, l'attraversa completamente e il 26 fa il suo ingresso nell'Ariete.

Giove: l'attesa del periodo di migliore osservabilità del pianeta gigante giunta al termine.
Il 5 giugno Giove si trova in opposizione rispetto al Sole, il che significa che abbiamo a disposizione l'intera notte per osservarlo.
Dopo il tramonto del Sole potremo scorgere il pianeta gigante ormai sorto nel cielo orientale.
Giove si trova nella costellazione dell'Ofiuco.

Saturno: le condizioni di osservabilità sono simili a quelle di Venere. Il pianeta con gli anelli si trova poco pi in alto a sinistra: la distanza tra i due pianeti diminuirà progressivamente, fino alla congiunzione, attesa per il 2 luglio.
Saturno si trova nella costellazione del Leone, dove resterà per tutto l'anno.

Urano: Migliorano ulteriormente le opportunità di individuarlo al mattino, verso oriente, prima dell'alba.
comunque consigliabile attendere ancora qualche mese per vederlo alto in cielo e osservarlo in modo ottimale e comunque con l'ausilio di un telescopio o almeno un binocolo, data la sua bassa luminosità.
Urano si trova nella costellazione dell'Acquario.

Nettuno: Sorge prima della mezzanotte.
Le condizioni di osservabilità sono quindi buone nella seconda parte della notte.
Come sempre, per individuarlo necessario utilizzare una strumentazione adeguata, un telescopio o un binocolo.
Nettuno si trova nella costellazione del Capricorno, pi a occidente di Urano.

Plutone [pianeta nano]:
Preso atto della decisione della IAU (International Astronomical Union) - Praga, agosto 2007 - in merito alla riclassificazione di Plutone, www.uai.it/index.php?tipo=A&id=1300, per il momento abbiamo scelto di mantenere comunque lo spazio dedicato all'ex-pianeta nella nostra rubrica.

È osservabile per tutta la durata della notte.
Il giorno 19 sarà in opposizione al Sole.
Per individuarlo indispensabile l'uso di un telescopio.
Si trova nella costellazione del Sagittario.


CONGIUNZIONI:

Luna - Marte: prima dell'alba dell'11 giugno sarà possibile osservare, nella costellazione dei Pesci, la Luna che sorge alla sinistra di Marte. (vedi mappa).

Luna - Venere: dopo l'occultazione in orario diurno (v. paragrafo successivo), nel crepuscolo serale del 18 giugno potremo ammirare il tramonto di una sottile falce di Luna accompagnata dalla fulgida Venere.
Entrambi gli astri si trovano nella costellazione del Cancro (vedi mappa).

Luna - Giove: la notte del 28 giugno la Luna ormai quasi piena accompagnerà il pianeta Giove.
La Luna si troverà nello Scorpione, Giove nell'Ofiuco (vedi mappa).

18 Giugno: Venere si nasconde dietro la Luna

Accadrà nel pomeriggio, quando ancora pieno giorno. Dopo l'occultazione di Saturno da parte della Luna dello scorso 22 maggio, adesso la volta di Venere, che verrà a trovarsi allineato con il nostro satellite naturale, rimanendo inosservabile per circa un'ora e un quarto.
Le Associazioni di astrofili organizzeranno osservazioni pubbliche con l'obiettivo di dimostrare la possibilità di osservare alcuni pianeti anche nelle ore diurne.
Orario del fenomeno (riferito a chi osserva da Roma):

Gli orari del fenomeno
inizio occultazione
riapparizione di Venere
ore 16,38
ore 17,52

Per maggiori informazioni sulle iniziative pubbliche e per conoscere i luoghi dove saranno organizzate le osservazioni, consultare le pagine web della Commissione Divulgazione e il sito Astroiniziative


COSTELLAZIONI

In tarda serata sarà possibile vedere sull'orizzonte a Sud-Est la costellazione dello Scorpione: ha un disegno inconfondibile, con le tre stelle a destra, quasi allineate in verticale, che rappresentano le chele dell'animale.
Spostandoci a sinistra, troviamo la brillante Antares, una supergigante rossa. La costellazione prosegue con le stelle che ne rappresentano il resto del corpo e la lunga coda, che termina con il pungiglione.

Notiamo subito una particolarità delle costellazioni zodiacali estive: esse sono molto pi basse sull'orizzonte rispetto a quelle invernali.
Mentre nei mesi invernali i Gemelli sfioravano quasi lo Zenit (*) sopra le nostre teste, invece una sfida per gli osservatori del cielo il riuscire a scorgere tutte le stelle dello Scorpione, cos basse da essere spesso in parte nascoste dai rilievi all'orizzonte o dalle foschie serali.
L'ideale osservarlo nelle notti chiare, sul mare, verso Sud, intorno alla mezzanotte.
Rimanendo lungo lo Zodiaco, potremo riconoscere pi a destra la Bilancia (l'unico oggetto inanimato delle 12 costellazioni zodiacali), mentre alla sua sinistra sorgerà il Sagittario.

A Ovest potremo invece osservare in successione il lento tramontare delle grandi costellazioni del Leone e della Vergine.
Un discorso a parte lo merita l'Ofiuco, un'estesa costellazione situata sopra lo Scorpione; nonostante le dimensioni poco spettacolare a causa dell'assenza di stelle particolarmente luminose.
Tuttavia l'Ofiuco periodicamente torna alla ribalta delle cronache per il suo ruolo di "13a costellazione zodiacale": in realtà non c' nulla di clamoroso in questo fatto, ben noto ad astronomi ed astrofili; semplicemente lo Scorpione si trova in gran parte al di sotto dell'Eclittica (**), per cui il Sole, una volta sfiorato la parte superiore della costellazione, prosegue il suo cammino nell'Ofiuco, che quindi risulta essere la 13a costellazione a trovarsi sul suo cammino lungo lo Zodiaco.

Allontanandoci dall'eclittica, alte nel cielo notiamo le due stelle pi brillanti del cielo estivo: la pi occidentale Arturo, nella costellazione del Bootes.
Pi a oriente troviamo Vega. Questo astro fa parte della piccola costellazione della Lira, che insieme al Cigno e all'Aquila forma un ampio triangolo che occupa la porzione pi elevata della volta celeste per tutto il periodo estivo.

Il cielo settentrionale , come sempre, caratterizzato dalle due Orse.
Volgendo lo sguardo verso la Stella Polare che nell'Orsa Minore ci indica la direzione del Nord, vedremo l'Orsa Maggiore dominare il cielo a Nord-Ovest.
Dalla parte opposta rispetto alla Polare, a Nord-Est, possiamo riconoscere Cassiopea e Cefeo.

(*) Lo Zenit il punto pi alto della sfera celeste, proprio sopra la nostra testa: per la definizione geometrica il punto di intersezione tra la retta verticale passante dal punto di osservazione e la sfera celeste.
(**) L'eclittica il percorso apparente del Sole nell'arco dell'anno lungo la volta celeste; geometricamente, l'intersezione tra quest'ultima e il piano dell'orbita terrestre.



Per ulteriori approfondimenti sulle costellazioni e le stelle visibili in questo periodo,
consultate la pagina 575 di
Televideo

CARTE DEL CIELO


 

Sfondo
Nero

Sfondo
Bianco

Dettaglio della carta
Orizzonte Nord 15 giugno ore 21:00
Orizzonte Sud 15 giugno ore 21:00
Orizzonte Ovest 15 giugno ore 21:00
Orizzonte Est 15 giugno ore 21:00
Zenit 15 giugno ore 21:00
Congiunzione Luna-Marte 11 giugno ore 3:50
Congiunzione Luna-Venere 18 giugno ore 22:00
Occultazione Luna-Giove 28 giugno ore 22:30