Stella doppia del mese di giugno 2020

Da Commissione Divulgazione - Unione Astrofili Italiani.

Una doppia al mese - Giugno 2020 - Kappa Bootis


Kappa Bootis
Componente AR (2000) Dec (2000) magnitudine separazione AP
STF 1821 14 hh 13.5 mm +54° 56' 4.53/6.62 13.5" (2007) 235° (2007)


La componente A della Kappa Bootis è una variabile Delta Scuti, mentre la componente B è una binaria spettroscopica.

Crossley (nel suo "A handbook of double stars", 1879) attribuisce alla coppia le magnitudini 5.1 e 7.2 (sono stime di FGW Struve) e colori giallastro per la principale e bluastro per la secondaria (sempre secondo FGW Struve).

La separazione, nel 1847, risultava pari a 12.68" mentre l'angolo di posizione viene fornito con una formula:

P = 237.2° - 0.05° (t-1850)

il che equivale a dire che doveva cambiare mediamente di un grado ogni 20 anni. Facendo il calcolo alla data del 2007 (ultima misura archiviata) dovrebbe risultare un angolo di poco più di 229°, minore del valore misurato. A conti fatti la velocità angolare media nel periodo risulta pari a 0.014 °/anno, molto inferiore a quella stimata nel 1847.


Flammarion riportava che "la compagna ha un movimento retrogrado molto lento e il periodo deve essere ancora studiato". La stima della magnitudine, sempre secondo Flammarion, è 3.5 e 5.5 e i colori, rispettivamente, bianco e giallo-verde.


Sissi Haas ci descrive il sistema come una doppia spettacolare, in un 60 mm a 25x si presenta come una doppia stretta, con la principale bianca e la secondaria argentea, separate da uno stretto spazio. Nello stesso campo la doppia Iota Bootis, magnitudini delle componenti 4.8 e 7.4, separazione 38.7"


(Nota a cura di Paolo Morini e Giuseppe Micello)


Mappa per l'individuazione della Kappa Bootis


Mappa per l'individuazione di Kappa Bootis



Rappresentazione di Kappa Bootis osservata con un rifrattore da 102 mm di diametro a 137 ingrandimenti, dall'astrofilo Kenichi Kushida



Ringraziamo:

l'editore Legenda che ci ha consentito di utilizzare le mappe dell'Atlante del Cielo per la rubrica delle stelle doppie.

l'astrofilo Cor Berrevoets, autore del programma Aberrator con cui si possono realizzare, fra le molte cose possibili, schematizzazioni delle immagini offerte dalle stelle doppie al telescopio.

l'astrofilo Kenichi Kushida per l'uso dei suoi disegni ed immagini telescopiche di stelle doppie e l'astrofilo Kazumi Funakoshi per il supporto tecnico.

l'astrofilo Toshimi Taki per il bellissimo "Atlante delle stelle doppie" e per il suo programma di calcolo per la rappresentazione delle orbite apparenti delle stelle doppie.


Per saperne qualcosa in più sulle Stelle Doppie ...

Strumenti personali